January 26, 2019

Please reload

Post recenti

Cellulite ADDIO!

February 21, 2017

1/2
Please reload

Post in evidenza

Un sorriso smagliante

February 20, 2017

 

Simpatia, disponibilità, benessere, ottimismo… Quante cose esprime un sorriso! E poter esibire senza imbarazzo una bella fila di denti bianchi e sani è anche un primo indice di salute dell’organismo… Come fare per ottenerlo? Si può partire dall'alimentazione, limitando i cibi che tendono a danneggiare direttamente la dentatura e non dimenticandosi di consumare quelli che, al contrario, svolgono una preziosa azione protettiva.

 

Pericolo carie

La caria è un'infezione molto comune provocata da alcuni batteri che vivono sulla parete esterna dei denti, formando la cosiddetta “placca batterica”. Questi batteri si nutrono proprio del cibo che rimane a contatto con la superficie dentale, in particolar modo gli zuccheri. Ecco perchè è importante limitare il consumo di dolci, soprattutto di quelli dalla consistenza appiccicosa che tendonoa  rimanere più a lungo a contato con i denti: cioccolato, caramelle, torrone, torte... devono essere considerati un piacere da concedersi molto saltuariamente. Anche le bevande zuccherate e gasate andrebbero evitate: sono ricche di zucchero e gli acidi che contengono tendono portare in soluzione il calcio, diminuendone la presenza nello smalto e rendendo più fragili i denti.

 

Cibo amico dei denti

Per avere denti sani e robusti è fondamentale nutrirli nel modo giusto: calcio, magnesio e fosforo sono dei minerali essenziali che devono essere introdotti con la dieta. Dove trovarli? nei latticini, nella frutta a guscio e nei cereali integrali ad esempio. Il fluoro invece si può trovare nelle acque e negli alimenti di origine marina.

Anche le fibre contenute nella frutta e nella verdura sono preziose per l'igiene orale: un po' come le setole dello spazzolino aiutano a rimuovere meccanicamente i residui di cibo. Via libera quindi a sedano, mele, pere... Senzadimenticare le cipolle, dalle proprietà antisettiche che impediscono la proliferazione batterica.

 

 

 

 

 

Tags: